Campogalliano, approvato il bilancio di previsione 2019-2021

Aliquote ferme da inizio mandato e un pacchetto straordinario di investimenti che ammonta a 2.500.000 euro, resi possibili dallo sblocco degli avanzi di bilancio. Nella seduta di mercoledì 19 dicembre il Consiglio comunale di Campogalliano ha approvato il bilancio di previsione 2019-2021, insieme all’aggiornamento del DUP, al programma triennale 2019-2021 e all’elenco annuale 2019 delle opere pubbliche. Ancora una volta l’amministrazione comunale campogallianese completa l’iter di approvazione del proprio documento finanziario entro la fine dell'anno, evitando in tal modo l'esercizio provvisorio e assicurando elementi di certezza ed efficienza alla propria azione, con una capacità di intervenire in corso d’anno in modo puntuale e flessibile, nonostante la legge di stabilità dello Stato sia ancora in via di definizione. In un quadro che mantiene le entrate e le uscite sostanzialmente inalterate rispetto al 2018, e che conferma su standard elevati la totalità dei servizi, si segnala come resti immutata la pressione tributaria.
Non viene infatti prevista alcuna variazione alle aliquote Imu e Tasi, 'ferme' dall'inizio della consigliatura nel 2014, e dell'addizionale Irpef, quest'ultima senza aumenti dal 2007. Quanto alla voce delle spese, i trasferimenti destinati all’Unione Terre d’Argine vanno in particolare a finanziare i servizi scolastici i quali, come risulta nella recente indagine di gradimento tra gli utenti di tali servizi, hanno conseguito livelli di gradimento altissimi da parte delle famiglie rispetto a costi, qualità, orari, etc.
È tuttavia il piano degli investimenti ad assumere una rilevanza davvero notevole, un pacchetto di interventi che ammonta a circa 2.500.000 euro e che tiene insieme opere avviate già nel 2018 con altre previste nel 2019, un quadro reso possibile da due recenti sentenze della Corte Costituzionale (n. 247 del 2017 e n. 101 del 2018) che consentono l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione da parte degli enti locali, e in particolare dei Comuni. Tra gli interventi spicca la messa in sicurezza del complesso dismesso della ditta LAV-FER srl, comunemente noto come ex Trespolsac, in via Di Vittorio 70, con una somma pari a 1.330.000 euro, finanziata tramite l’Agenzia Regionale per la Ricostruzione post-Sisma 2012. Un intervento che costituisce una risposta al tema della tutela della salute dei cittadini, e porta a compimento un'azione amministrativa avviata già nel gennaio del 2015, quando la sindaca Guerzoni emise un’ordinanza che chiedeva alla proprietà di mettere in sicurezza area e fabbricato.
A quest'opera si aggiungono la riqualificazione complessiva di viale Martiri della Libertà e un articolato ventaglio di ulteriori lavori e nuove forniture che interessano tutte le fasce di età della popolazione, dai bambini agli anziani.
Viale Martiri della Libertà rappresenta la più importante strada alberata del centro, sviluppandosi per 400 metri da via Barchetta a via Mazzini. Da qualche anno sia i percorsi pedonali che le alberate laterali mostrano segni di deterioramento: i marciapiedi risultano sconnessi a causa delle radici degli alberi, mentre i filari alberati presentano discontinuità e talune piante in condizioni non ottimali e da rinnovare. L'obiettivo dell'intervento unisce la valorizzazione complessiva del viale al miglioramento della fruibilità degli percorsi pedonali, rimuovendo le barriere architettoniche esistenti e inserendo scivoli in corrispondenza degli attraversamenti pedonali. Lungo lo stesso viale alberato sono previsti i lavori di sostituzione di fognature e tubazioni a cura di AIMAG e AS RETIGAS. “Così come già nel caso di via Roma”, spiega la sindaca Paola Guerzoni, “la filosofia del nostro intervento è improntata al sostegno di una mobilità dolce nel nostro centro storico, che allo stesso tempo favorisca pedoni e biciclette, e limiti la velocità di percorrenza delle auto”.
Oltre a viale Martiri della Libertà, gli interventi prevedono l'installazione di nuove panchine e porta biciclette in diversi punti della città, la riqualificazione dello spazio retrostante la sede comunale lungo via XXV Aprile (con due nuove pensiline e nuovi stalli per bici), la realizzazione di percorsi-vita (con panche e attrezzi) e di un nuovo campo da basket (nel parco Tien An Men, ad accesso libero). Nuove panchine sono previste anche al cimitero di via Rubiera, e si rinnovano i bagni pubblici in dogana. Rispetto alla scuola primaria Marconi, i lavori riguardano la sostituzione di controsoffitti e interventi di ripristino del cornicione. La biblioteca comunale “Edmondo Berselli” viene dotata di un necessario impianto di condizionamento, mentre la scuola di musica del centro giovani di Villa Barbolini viene dotata di nuovi strumenti musicali.
“Lo sblocco degli avanzi di bilancio”, prosegue la sindaca Guerzoni, “ci ha trovati pronti con fasi avanzate di progettualità che sono anche il frutto di buone pratiche che caratterizzano Campogalliano: l'ascolto e la condivisione delle scelte con i cittadini. Penso per esempio alle nuove panchine che verranno installate nei punti indicati dagli anziani che abbiamo chiamato a collaborare. Non va peraltro dimenticato che l'utilizzo di queste risorse è possibile grazie alla pluriennale cura del bilancio che connota questa amministrazione come Comune virtuoso”.

Leave a comment

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non consentito.

I nostri sostenitori